Archivio per marzo, 2012

Il vitto del carcerato

Posted in Episodi on marzo 8, 2012 by crimini roma

Nelle “Prigioni di Roma nell’anno 1851”, uno scandalizzato avvocato torinese descrive le condizioni delle carceri di Roma, gestite dal restaurato governo pontificio. E si sofferma sul vitto (si calcoli l’oncia in circa 30 grammi):
Come parlare del nodrimento?
Il desinare si compone di zuppa di 16 oncie di pane, due oncie di pietanza salata e secca, con un bicchiere di vino acido. Questo pei giorni di grasso. Nei giorni magri, la pietanza è cambiata in fave od altri legumi. Quanto al pane, la cui furnitura, data per aggiudicazione, è ricevuta senza controllo dalle mani d’una panettiere cupido, non è formato unicamente d’acqua e farina; vi si aggiunge la gialappa, purgativo che a Roma si somministra ai cavalli. Si fa, dicesi, per accelerare la digestione, e prevenire le malattie, che l’inattività del corpo potrebbe far nascere. Qual provvidenza!

Annunci