Duelli a Campo Vaccino

L’arroganza e la violenza di una certa Roma contemporanea esisteva anche nei secoli passati, amplificata dalla differenza di classe. Nel 1703 il Marchese Nereo Corsini poteva permettersi di girare per la città sempre pronto a sfoderare la spada, riuscendo sempre, nonostante fosse qualche volta portato sotto processo, a farla franca.
Il Cancellieri riporta l’episodio, desunto da una cronaca dell’epoca.
Domenica due di settembre fu per l’ultima volta allagata Piazza Navona con gran concorso di Popolo, e di Carrozze, essendo ripiene le finestre delle Case, e de’ Palazzi, che circondano quella gran Piazza (…). Fece ridere gli Spettatori l’humore stravagante del Marchese Nereo Corsini la cui Carrozza urtata nelle Rote posteriori da un Carretto, imbrandì per due volte la Spada, quantunque il Carretto si fusse multe canne dilungato dalla sua Carrozza.
Due giorni dopo, Corsini si rese protagonista – come padrino – di un altro duello, stavolta finito male. Il 4 settembre, Angelo Gavotti fu ucciso in duello da Scipione Santa Croce, a Campo Vaccino, alla presenza del Marchese Bentivoglio e del Marchese Corsini.
In occasione della tumulazione fu composto
un madrigale: E’ morto il buon Gavotti / Come già Cristo in Croce / Da Scipion Santa Croce / In mezzo a due assassini / Bentivoglio e Corsini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: