Assassinio di una prostituta nella Roma del Settecento


In questi giorni segnati dalla tragica morte della transessuale Brenda (e dalla sanguinosa coda del caso Marrazzo), potrà essere interessante rievocare un caso altrettanto efferato avvenuto nel secolo XVIII, di cui parla Francesco Valesio nel suo diario.
E’ il giovedì 26 Giugno dell’anno del Signore 1704.
Una giovane prostituta di 24 anni é rinvenuta assassinata nella sua piccola casa presso S. Stefano del Cacco. La scena che si presenta davanti agli inquirenti (cioé “la corte”) é raccapricciante. Il cadavere é in stato di avanzata putrefazione. Il gatto della vittima é sopravvissuto per giorni leccando il sangue della padrona. Dopo la “ricognizione” del luogo del delitto e del corpo della donna, la ragazza viene seppellita nel cimitero dei disperati, l’area sconsacrata appena fuori Muro Torto.

Non essendosi più veduta da domenica a sera in qua da’ vicini una certa meretrice da Scio, giovane di 24 anni che habita nella pirma casa del vicolo che dalla strada del Pie’ di Marmo conduce alla piazzetta in cui é la porticella della chiesa di S. Stefano del Cacco, venne avvisata di ciò la corte, che venutavi ed aperta la porta chiusa solo con il saliscende, ritrovò la detta meretrice nuda in un letto trafitta da due ferite alla gola et altra in un fianco et altra nel ventre e la mano destra con un taglio (contrasegno che havea provato difendersi), con un gatto che gli lambiva il sangue che gli sgorgava dalla gola, qual animale, appena aperte le finestre e vista l’aria, si morì e, perché quel cadavere infelice e di già quatriduano rendeva un insopportabile fetore nella casa, lo trasportarono involto in un lenzuolo nella vicina piazzetta, dove, fattane la ricognizione, fu portato doppo qualche hora a sepelire a Muro Torto. Nella recognizione nelle robbe di casa essendo state ritrovate alcune poche gioie e denari, si vidde che non era stata uccisa per assassinarla, ma per altra causa e si é sparsa la voce essere stato il proprio marito

Annunci

3 Risposte to “Assassinio di una prostituta nella Roma del Settecento”

  1. Conosco questa “storia” da diversi anni ma oltre quello che è riportato in questo link non ho trovato altro. Come fare per avere altre notizie ?
    gius

    • crimini roma Says:

      Mi dispiace non sono in grado di aiutarla, non ho fatto ricerche specifiche sull’episodio. La notizia riportata è ricavata dal Diario di Roma di Francesco Valesio, al giorno 26 giugno 1704

  2. vari anni fa, per almeno otto o dieci notti – non di seguito – ho sognato una donna in lutto, con abito ottocentesco, con una veletta nera che le nascondeva il viso, mentre io salivo e lei scendeva appena dopo il “ponte” che c’è al Muro Torto. Lì c’era il cimitero delle prostitute e di vari individui di malaffare. Lì venne sepolta anche una prostituta di 25 anni le cui tracce sono reperibili nel web.
    Quando, in sogno, la incontravo mi svegliavo di soprassalto…
    Poi tutto cessò.
    Un caso?
    Forse…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: